Come integrare la sostenibilità nelle strategie di esportazione

La sostenibilità mira a ridurre al minimo gli impatti negativi sia ambientali che sociali dei sistemi di produzione e distribuzione. Si tratta di temi che rivestono particolare importanza nel contesto delle esportazioni, dove i trasporti hanno un impatto specifico sulle emissioni di carbonio.

La responsabilità sociale d'impresa (CSR - Corporate Social Responsibility) consiste nell'integrazione volontaria da parte delle aziende di preoccupazioni ambientali e sociali nelle proprie attività commerciali e nelle proprie relazioni con le parti interessate.

Identificare dove agire per la sostenibilità delle tue esportazioni

L'impegno per la sostenibilità comporta cambiamenti in molte aree dell'organizzazione aziendale, ognuna delle quali deve essere analizzata e classificata in base al loro impatto di carbonio.

Il punto di partenza consiste quindi nell'eseguire una valutazione di carbonio dell'azienda e delle sue esportazioni e successivamente lavorare su ciascuna delle leve possibili per ridurre gradualmente l'impronta di carbonio dell'azienda stessa.

Per ridurre la propria impronta di carbonio può quindi essere necessario agire sulle seguenti leve:

1. Prodotti: miglioramento dei prodotti e dei servizi esistenti e sviluppo di nuovi con focus sulla sostenibilità (impronta di carbonio dei prodotti);

2. Approvvigionamento: gestire al meglio la filiera delle materie prime e la selezione dei fornitori;

3. Processo: utilizzo di tecnologie più pulite per la produzione (nuove macchine più efficienti, energia verde);

4. Distribuzione: migliorare la logistica e la gestione della distribuzione (posizionamento dei depositi, compensazione del carbonio nei trasporti);

5. Ciclo di vita: offrire ai propri clienti soluzioni per il futuro dei prodotti dopo l'uso (usato, riciclaggio, riparazione, ecc.);

Allo stesso tempo, è importante promuovere i propri sforzi di sostenibilità, enfatizzando i seguenti punti:

1. Marketing: rafforzare la percezione di valore del proprio prodotto e dei propri processi e differenziarli dalla concorrenza ponendo l'accento su salute, sicurezza e sostenibilità (etichettatura, certificazioni);

2. Tariffazione: fissare i prezzi tenendo conto delle considerazioni sulla sostenibilità, evidenziando, se del caso, il costo aggiuntivo legato alla sostenibilità stessa

3. Comunicazione: fare investimenti per migliorare l'immagine di sostenibilità della propria azienda, al fine di aumentare domanda e produzione;

4. Incentivi: accedere a programmi di appalti pubblici e programmi di sostegno del Governo;

5. Impegno: coinvolgere la comunità locale nei vari paesi serviti;

Trasformare il tuo export con successo

Il successo di tale trasformazione si basa sui principi classici della gestione della transizione:

1. Leadership : non è possibile implementare un programma di sostenibilità senza una forte leadership. Se si vuole integrare la sostenibilità, il cambiamento deve essere guidato in modo molto deciso.

2. Impegno: è inoltre necessario incoraggiare l'adesione dei dipendenti per dimostrare che l'impegno per la sostenibilità è molto importante per l'azienda e che si sta agendo in questa direzione.

3. Lungo periodo: quando ci si impegna per la sostenibilità la si deve prendere sul nel lungo periodo. Non si tratta di un cambiamento che può essere apportato rapidamente, ottenere vantaggi e poi occuparsi di altro. Spetta alla propria azienda il compito di cambiare gradualmente la sua strategia e le sue pratiche in modo da indirizzarsi verso l'obiettivo che desidera raggiungere.

4. Parti interessate: andare nella direzione della sostenibilità, comprendere, incontrare ed eccedere le aspettative dei propri stakeholders è molto importante.

Si parte dall'identificazione e dal confronto delle aspettattive reciproche e poi si procede con l'esame delle opzioni disponibili per soddisfarle. Dove possibile, sarebbe ottimale andare oltre tali aspettative, perché la differenziazione è la strada giusta per gli esportatori impegnati nella sostenibilità.

5. Conoscenza e competenza: per sviluppare conoscenze e competenze, è utile consultare specialisti quando queste non sono disponibili internamente all'azienda.

6. Partnership: è possibile acquisire conoscenze e competenze da fonti esterne quali l'UNCTAD (Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo) o i governi (e le loro agenzie) che mettono la sostenibilità al primo posto della propria agenda. È necessario cercare di individuare e poi cogliere le opportunità. Anche le partnership con attori locali o internazionali possono aiutare a integrare la sostenibilità nella tua organizzazione.

7. Iterazione: in termini di sostenibilità, è necessario misurare regolarmente i risultati delle proprie azioni e comunicare tali risultati in una continua iterazione tra operatività e marketing per sfruttare ogni passo avanti. È necessario sapere cosa si sta facendo e far conoscere gli effetti delle proprie azioni sulla propria attività e presso le parti interessate.

8. Cultura d'impresa: lo sviluppo sostenibile deve essere integrato nella cultura della tua impresa. Questo richiede di pensare in modo diverso perché la sostenibilità richiede un approccio rivoluzionario.

9. Valutare e ricalibrare: Roma non è stata costruita in un giorno. È necessario valutare regolarmente i progressi e ricalibrare le azioni. Se si vede che non funziona, è necessario cambiare e introdurre nuove idee. Si consiglia di non cambiare tutto in una volta ma di procedere per gradi.

Quali sono i vantaggi di queste azioni per la tua azienda?

Grazie a queste azioni, la tua azienda può aumentare significativamente il valore e il posizionamento della propria offerta e ottenere così un vantaggio competitivo.

Vantaggi Azioni
Riduzione dei costi Miglioramento dell'efficienza operativa attraverso una migliore gestione delle risorse, della logistica e della distribuzione.
Incremento della produttività Miglioramento della capacità tecnica, del coinvolgimento e dell'impegno delle parti interessate e dei dipendenti.
Rafforzamento della reputazione Comunicazione sui propri impegni ambientali ed etici, nonché sui propri sforzi di adattamento.
Individuazione di nuove opportunità di mercato Approccio aziendale che privilegia i fornitori con un impegno di responsabilità ambientale e sociale.
Limitazione dei rischi legali e regolamentari Utilizzo delle competenze e implementazione di sistemi di gestione della sostenibilità e certificazioni in un quadro normativo in continua evoluzione.
Differenziazione dalla concorrenza Percezione migliorata della tua offerta sottolineando gli impegni di CSR.
Sostenibilità dell'attività Implementazione di azioni globali per rispondere a un problema di sostenibilità che si presenterà ancora a lungo termine ed in modo esponenziale.

Alt__ ritorno in alto